CATEGORIA PORTE CILINDRO EUROPEO


CM98 / CM98S TITOLO

CM98 / CM98S


CM98 / CM98S 1

CM98

 

Serratura con chiavistelli comandati dal cilindro a Profilo Europeo, corredato
di defender di protezione sul lato esterno, lato interno azionamento chiavistelli
e scrocco con pomolo, senza l’ausilio della chiave.

N° 5 chiavi in confezione sigillata, duplicabili con consegna della tessera
numerata e della chiave originale. In dotazione cilindro da cantiere a perdere.
Blocchi di ancoraggio: 11

 


CM98 / CM98S 2

CM98S

 

Serratura con chiavistelli comandati dal cilindro a Profilo Europeo, corredato
di defender di protezione sul lato esterno, lato interno azionamento chiavistelli
e scrocco con pomolo, senza l’ausilio della chiave.

N° 5 chiavi in confezione sigillata, duplicabili con consegna della tessera numerata
e della chiave originale. In dotazione cilindro da cantiere a perdere.

Cilindro di servizio tipoYale con 3 chiavi.
Blocchi di ancoraggio: 12


CM98 / CM98S ELENCO
    1. Carenatura in lamiera plastificata testa di moro

 

    1. Cerniere registrabili

 

    1. Coibentazione interna con pannelli resinati rigidi

 

    1. Deviatori

 

    1. Doppia guarnizione di battuta

 

    1. Falso telaio

 

    1. Omega in acciaio

 

    1. Pannelli di rivestimento

 

    1. Rostri fissi n° 3

 

    1. Scocca in acciaio 12/10

 

    1. Spioncino

 

    1. Stipite in acciaio 15/10 plastificato testa di moro

 

    1. Tappi per fori rostri

 


CLASSE DI SICUREZZA 2

 

La determinazione di appartenenza alla classe 2 avviene attraverso una serie
di prove effettuate presso i laboratori di enti di certificazione.
Prova della resistenza sotto carico statico

La prova viene effettuata con un “applicatore di carico” costituito
da un pistone idraulico in grado di applicare pressioni. Il campione di prova
viene fissato su appositi telai dove viene applicato progressivamente il carico
per un tempo di 60 secondi in vari punti del campione: nei punti più deboli
ed in prossimità dei punti di riferma (serratura, deviatori, cerniere ecc.).
Una volta eseguito il test si procede alle misurazioni strumentali ed al controllo
visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza sotto carico dinamico

La prova dinamica simula attacchi fisici quali cariche con spallate, calci,
ecc. La prova viene effettuata con un “pendolo d’impatto” costituito
da un peso applicato ad un cavo d’acciaio che viene lasciato cadere da determinate
altezze. Il campione di prova viene fissato su appositi telai e viene colpito
dal pendolo in varie posizioni. Una volta eseguito il test si procede alle
misurazioni strumentali ed al controllo visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza all’attacco manuale

Il campione di prova viene fissato su appositi telai e sottoposto ad una serie
di aggressioni da parte di un ipotetico “ladro”. La porta viene aggredita
secondo diverse modalità quali lo sfondamento dal lato cerniere, la forzatura
e lo strappo della serratura, lo sfondamento e perforazione del pannello anta,
lo sfondamento dal lato serratura. L’operazione dispone di un tempo limitato
per aprire l’anta e praticare un’apertura sufficiente a consentire il suo passaggio.
Prova ufficiale ANTIEFFRAZIONE:

secondo norma UNI ENV 1627

Rapporto di prova n° DC05/079/00; n° DC05/113/00;

La certificazione della prova di appartenenza alla CLASSE 2 è stata rilasciata
dall’Istituto CSI S.p.A. Bollate (MI).


CE93F TITOLO

CE93F

 


CE93F 1
Serratura tipo cassaforte con chiavistelli comandati dal pomolo a frizione,
blocco a folle con cilindro a Profilo Europeo, corredato
di defender di protezione sul lato esterno, scrocco azionabile lato esterno
con chiave, lato interno con pomolo cilindro.N° 5 chiavi in confezione sigillata, duplicabili con consegna della tessera numerata
e della chiave originale. In dotazione cilindro da cantiere a perdere.
Blocchi di ancoraggio: 13 

CE93G

 

Il modello CE93G si differenzia per avere lo scrocco azionabile dal lato esterno
con pomolo.


CE93F ELENCO
    1. Carenatura in lamiera plastificata testa di moro

 

    1. Cerniere registrabili

 

    1. Coibentazione interna con pannelli resinati rigidi

 

    1. Dispositivo block

 

    1. Doppi deviatori

 

    1. Doppia guarnizione di battuta

 

    1. Falso telaio

 

    1. Omega in acciaio

 

    1. Pannelli di rivestimento

 

    1. Rostri fissi n° 5

 

    1. Scocca in acciaio 18/10

 

    1. Soglia mobile (parafreddo)

 

    1. Spioncino

 

    1. Stipite in acciaio 15/10 plastificato testa di moro

 

    1. Tappi per fori rostri

 


CLASSE DI SICUREZZA 3

 

La determinazione di appartenenza alla classe 3 avviene attraverso una serie
di prove effettuate presso i laboratori di enti di certificazione.
Prova della resistenza sotto carico statico

La prova viene effettuata con un “applicatore di carico” costituito
da un pistone idraulico in grado di applicare pressioni. Il campione di prova
viene fissato su appositi telai dove viene applicato progressivamente il carico
per un tempo di 60 secondi in vari punti del campione: nei punti più deboli
ed in prossimità dei punti di riferma (serratura, deviatori, cerniere ecc.).
Una volta eseguito il test si procede alle misurazioni strumentali ed al controllo
visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza sotto carico dinamico

La prova dinamica simula attacchi fisici quali cariche con spallate, calci,
ecc. La prova viene effettuata con un “pendolo d’impatto” costituito
da un peso applicato ad un cavo d’acciaio che viene lasciato cadere da determinate
altezze. Il campione di prova viene fissato su appositi telai e viene colpito
dal pendolo in varie posizioni. Una volta eseguito il test si procede alle
misurazioni strumentali ed al controllo visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza all’attacco manuale

Il campione di prova viene fissato su appositi telai e sottoposto ad una serie
di aggressioni da parte di un ipotetico “ladro”. La porta viene aggredita
secondo diverse modalità quali lo sfondamento dal lato cerniere, la forzatura
e lo strappo della serratura, lo sfondamento e perforazione del pannello anta,
lo sfondamento dal lato serratura. L’operazione dispone di un tempo limitato
per aprire l’anta e praticare un’apertura sufficiente a consentire il suo passaggio.
Prova ufficiale ANTIEFFRAZIONE:

secondo norma UNI ENV 1627

Rapporto di prova n° DC05/080/00; n° DC05/114/00; n° 0003/DC/TTS/02;

La certificazione della prova di appartenenza alla CLASSE 3 è stata rilasciata
dall’Istituto CSI S.p.A. Bollate (MI).


38,5 DB ISOLAMENTO ACUSTICO

 

Norma relativa all’isolamento acustico

La norma stabilisce un metodo per la misura in laboratorio del potere fonoisolante
di elementi di edifici quali pareti, pavimenti, porte, finestre, elementi di
facciata o facciate.

I risultati ottenuti possono essere utilizzati per progettare elementi edilizi
con appropriate caratteristiche acustiche e per confrontare e classificare tali
elementi in riferimento al loro potere fonoisolante.

Le porte Gardesa sono certificate in base ai decibel di abbattimento acustico
RW, secondo quanto previsto dalle normative.
Prova ufficiale ISOLAMENTO ACUSTICO:

secondo norma ISO 140/3 – ISO 717/1
34.5 dB Rapporto di prova n° ME06/070/97; 38.5 dB Rapporto
di prova n° ME06/069/97

La certificazione della prova dell’abbattimento acustico 34,5 e 38,5dB è stata
rilasciata dall’Istituto CSI S.p.A. Bollate (MI).

 


CD21 TITOLO

CD21


CD21 1
Serratura con chiavistelli comandati dal cilindro a Profilo Europeo posizionao
nella parte superiore. Un altro cilindro a Profilo Europeo nella parte inferiore
aziona un chiavistello e blocca il funzionamento del cilindro superiore corredato
di defender di protezione sul lato esterno, scrocco azionabile lato esterno
con chiave, lato interno con pomolo cilindro.N° 5 chiavi in confezione sigillata, duplicabili con consegna della tessera numerata
e della chiave originale. In dotazione cilindro da cantiere a perdere.
Blocchi di ancoraggio: 14

CD21 ELENCO
    1. Carenatura in lamiera plastificata testa di moro

 

    1. Cerniere registrabili

 

    1. Coibentazione interna con pannelli resinati rigidi

 

    1. Dispositivo block

 

    1. Doppi deviatori

 

    1. Doppia guarnizione di battuta

 

    1. Falso telaio

 

    1. Omega in acciaio

 

    1. Pannelli di rivestimento

 

    1. Rostri fissi n° 5

 

    1. Scocca in acciaio 18/10

 

    1. Soglia mobile (parafreddo)

 

    1. Spioncino

 

    1. Stipite in acciaio 15/10 plastificato testa di moro

 

    1. Tappi per fori rostri

 


CLASSE DI SICUREZZA 3

 

La determinazione di appartenenza alla classe 3 avviene attraverso una serie
di prove effettuate presso i laboratori di enti di certificazione.
Prova della resistenza sotto carico statico

La prova viene effettuata con un “applicatore di carico” costituito
da un pistone idraulico in grado di applicare pressioni. Il campione di prova
viene fissato su appositi telai dove viene applicato progressivamente il carico
per un tempo di 60 secondi in vari punti del campione: nei punti più deboli
ed in prossimità dei punti di riferma (serratura, deviatori, cerniere ecc.).
Una volta eseguito il test si procede alle misurazioni strumentali ed al controllo
visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza sotto carico dinamico

La prova dinamica simula attacchi fisici quali cariche con spallate, calci,
ecc. La prova viene effettuata con un “pendolo d’impatto” costituito
da un peso applicato ad un cavo d’acciaio che viene lasciato cadere da determinate
altezze. Il campione di prova viene fissato su appositi telai e viene colpito
dal pendolo in varie posizioni. Una volta eseguito il test si procede alle
misurazioni strumentali ed al controllo visivo delle deformazioni avvenute.
Prova della resistenza all’attacco manuale

Il campione di prova viene fissato su appositi telai e sottoposto ad una serie
di aggressioni da parte di un ipotetico “ladro”. La porta viene aggredita
secondo diverse modalità quali lo sfondamento dal lato cerniere, la forzatura
e lo strappo della serratura, lo sfondamento e perforazione del pannello anta,
lo sfondamento dal lato serratura. L’operazione dispone di un tempo limitato
per aprire l’anta e praticare un’apertura sufficiente a consentire il suo passaggio.
Prova ufficiale ANTIEFFRAZIONE:

secondo norma UNI ENV 1627

Rapporto di prova n° DC05/080/00; n° DC05/114/00; n° 0003/DC/TTS/02;

La certificazione della prova di appartenenza alla CLASSE 3 è stata rilasciata
dall’Istituto CSI S.p.A. Bollate (MI).

 

38,5 DB ISOLAMENTO ACUSTICO

 

Norma relativa all’isolamento acustico

La norma stabilisce un metodo per la misura in laboratorio del potere fonoisolante
di elementi di edifici quali pareti, pavimenti, porte, finestre, elementi
di facciata o facciate.

I risultati ottenuti possono essere utilizzati per progettare elementi edilizi
con appropriate caratteristiche acustiche e per confrontare e classificare
tali elementi in riferimento al loro potere fonoisolante.

Le porte Gardesa sono certificate in base ai decibel di abbattimento acustico
RW, secondo quanto previsto dalle normative.
Prova ufficiale ISOLAMENTO ACUSTICO:

secondo norma ISO 140/3 – ISO 717/1
34.5 dB Rapporto di prova n° ME06/070/97; 38.5 dB Rapporto
di prova n° ME06/069/97

La certificazione della prova dell’abbattimento acustico 34,5 e 38,5dB è stata
rilasciata dall’Istituto CSI S.p.A. Bollate (MI).


DC24

DC24


DC24 1
Serratura con chiavistelli comandati dal cilindro a Profilo Europeo posizionao
nella parte superiore. Un altro cilindro a Profilo Europeo nella parte inferiore
aziona un chiavistello e blocca il funzionamento del cilindro superiore dotato
di chiave master utilizzabile per entrambi i cilindri.I cilindri sono corredati
di defender di protezione sul lato esterno, lato interno azionamento chiavistelli
e scrocco con pomolo senza ausilio della chiave.N° 5 chiavi in confezione sigillata, duplicabili con consegna della tessera numerata
e della chiave originale. In dotazione cilindro da cantiere a perdere.
Blocchi di ancoraggio: 20

DC24 ELENCO
    1. Carenatura in lamiera plastificata testa di moro

 

    1. Cerniere registrabili

 

    1. Coibentazione interna con pannelli resinati rigidi

 

    1. Dispositivo block

 

    1. Doppi deviatori

 

    1. Doppia guarnizione di battuta

 

    1. Falso telaio

 

    1. Omega in acciaio

 

    1. Pannelli di rivestimento

 

    1. Rostri fissi n° 5

 

    1. Scocca in acciaio 18/10

 

    1. Soglia mobile (parafreddo)

 

    1. Spioncino

 

    1. Stipite in acciaio 15/10 plastificato testa di moro

 

    1. Tappi per fori rostri